Torna in Hom

Il ruolo delle divise sparite nella ristorazione

In questa pagina parliamo del Servizio di sala.

Oggi nella grande  maggioranza  dei locali pubblici  sparsi ovunque osserviamo con grande spaicere la scomparsa delle nostre tante amate divise.

Cosa ci comunicavano le divise?  il cliente quando entrava nei nostri locali, sapeva con chi stava colloquiando oppure sapeva a chi rivolgersi se aveva un problema di servizio o per qualsisi altra necessitÓ, durante la loro permmanenza nei nostri locali o case dell'ospitalitÓ. Oggi tutto fa brodo, vediamo camerieri, con scarpe da tennis, pantaloni di jeans strapatti, ect ect. Tanto per accennare solo due nefandezze su tante. Chi si ricorda, che a scuola ci insegnavano che un cameriere, doveva iindossare scarpe nere, con altrettanti calzini e pantaloni, camicia bianca, e dal papillon che indossava il cliente poteva riconoscere il grado di preparazione nel servizio e ci˛ che potevano essere le aspettative di servizio.  Al 2░commis  non era permesso nanche di portare la bottiglia d'acqua al tavolo del cliente. Il cliente era Sacro, il cliente era il nostro pane quotidiano e il cliente era il sostegno della struttura dove noi prestavamo servizio.  Anche agli studenti, di altri istitui non alberghieri, che si approciavano durante il periodo estivo ad avvicinarsi nella ristorazione, le veniva chiesto di acquistarsi l'abbigliamento idoneo per poter entrare, in sala. Oggi non Ŕ cosi, oggi tutti affrontano il cliente,  come  se fossimo nelle trattorie delle periferie, " Camerieri  improvisati che il loro vero nome sarebbe porta piatti," presuntuosi,disordinati, trascurati sia nella personalitÓ come altrettanto nel servizio.  Qualcuno potrÓ dire che i tempi sono cambiati, si, ma le cose buone dovrebbero rimanere, anzi dovrebbero essere rinforzati. Di chi la colpa?  in primis  di noi professionsiti, che non avessimo dovuto acettare di avere al nostro servizio personale improvisato, senza nessuna conoscenza del servizio e senza nessuna identificazione  di abbigliamento, attinente al lavoro  e mansioni che si vuole svolgere.
La divisa dice tutto di noi, vediamo i medici, gli infermieri, gli organi di polizia, carabinieri,esercito, marina ect ect. Noi no. Noi abbiamo perso quel prestiggio e onore che la divisa  ci dava per indossare il papillon nero.
Altra colpa che io imputo e negli impresari  della ristorazione,improvisati, che pensano solo al loro massimo profitto, infischiandosi della professionalitÓ.

Vi chiedo di voler commentare su Fb feprat il vostro pensiero. Grazie